Intervista a Ben Shelton: la stella del tennis americana che vuole essere diversa

Volevo essere un po’ diverso da chiunque altro”, ha detto recentemente Ben Shelton a Madrid.

In realtà stava parlando della sua decisione dell’anno scorso di firmare un importante accordo con il piccolo ma in crescita produttore svizzero di scarpe e abbigliamento On, piuttosto che perseguire un certo colosso americano con un famoso swoosh. (Ne parleremo più avanti tra poco.) Il Floridian era agli inizi di un soggiorno di tre mesi in Europa che durerà tanto quanto a Wimbledon, che terminerà a metà luglio.

Ma Shelton, che ha 21 anni, avrebbe potuto parlare di qualsiasi cosa abbia a che fare con la sua carriera tennistica in erba, il che è stato l’opposto dello stampino.

Il football (quello americano), oltre al tennis, fino alle scuole medie? Diverso.

Una scuola superiore normale piuttosto che un’accademia di tennis? Diverso.

Zero presenze nel Grande Slam junior? Diverso.

Grandi dosi di esuberanza collegiale: il “Sì!” dopo grandi e piccoli colpi, il punto esclamativo da quando è in pensione e riattacca il telefono sulle sue vittorie? Diverso.

E ora che lo swing sulla terra battuta è qui, Shelton va ancora una volta controcorrente, spostandosi a Roma e agli Open d’Italia mentre considera la sconfitta al terzo turno in Spagna la scorsa settimana come solo un altro passo nell’affrontare qualcosa che ha ingannato la maggior parte degli americani. uomini per un bel po’.

Quella sarebbe l’argilla rossa.

VAI PIÙ PROFONDO

Chi è Ben Shelton? Incontra il nuovo fenomeno americano degli US Open


La semplice brutalità del tennis di Shelton, che lo ha portato alle semifinali degli US Open lo scorso anno, può essere ingannevole.

Può lanciare il suo servizio a 241 km/h e lanciare dritti come pochi altri, tagliando punti in un soffio o rubando slancio in uno scambio.

UNA prima vista, questo gli dà il tipo di grande gioco americano stereotipato che non si traduce facilmente nella sporcizia. Altri yankee degni di nota con queste qualità si sono praticamente tappati il ​​naso e hanno sopportato questi mesi di tennis in stile logoramento, contando i giorni fino all’erba e ai campi in cemento dell’estate.

Beh, non è così che si comporta Shelton.

Ha trascorso le due settimane precedenti la sua partenza per la Spagna in un campo di addestramento sulla terra battuta. “Ho lavorato sulle cose di cui avevo bisogno: in campo, fuori dal campo, forza, forma fisica, movimento”, ha detto. “Mi sono davvero affinato.

Invece di sopportare le cose morbide, Shelton le sta abbracciando. Questo è qualcosa che altri uomini americani hanno tradizionalmente evitato, incluso suo padre e allenatore, Bryan, un professionista in tournée negli anni ’80 e ’90. Ha spesso deviato sulla terra rossa, a parte gli Open di Francia e qualche altro torneo, per gran parte della sua carriera.

“Mi sono reso conto troppo tardi che il mio gioco era abbastanza adatto a questo”, ha detto dopo una sessione di allenamento con suo figlio la settimana scorsa. “Ho fatto questo grande servizio di kick. Potrei respingere i ragazzi. Ha aperto il tribunale”. Scosse la testa, ancora irritato dal suo io più giovane, 30 anni dopo.

Suo figlio non permette a tali supposizioni di mettere radici. Sta adottando un approccio diverso.

Alla fine dell’anno scorso, Shelton ha chiesto a Gabriel Echevarria, un allenatore veterano, di unirsi alla sua squadra a tempo pieno come allenatore di forza e condizionamento. È stata un’altra mossa insolita ma logica per qualcuno che è forte come un taglialegna e può correre come un cervo ma rimane incline a essere spiazzato o sbilanciato.


Shelton vuole muoversi sulla terra come il migliore di loro (Julian Finney/Getty Images)

Echevarria, che ha trascorso gli ultimi dodici anni lavorando per la US Tennis Association e Tennis Australia, è argentino. Ha la reputazione di possedere una conoscenza speciale di ciò che serve per ottenere il movimento e l’equilibrio adeguati nel tennis, specialmente sulla terra battuta, la superficie da tennis più comune in Argentina.

Il candidato ideale per condurre un corso intensivo.

L’errore più comune per i principianti sulla terra battuta, dice Echevarria, è scivolare dopo il tiro, che fa perdere tempo, invece di scivolare in lo sparo. Alcuni scatti richiedono meno passaggi, o più piccoli, o un passaggio in più.

“Se impariamo l’abilità, allora possiamo sviluppare l’abilità, ma la prima cosa è imparare nel modo corretto”, spiega Echevarria. “Una volta appreso il modo corretto, il modello del modello, allora possiamo sviluppare quell’abilità.”

Shelton percepisce Echevarria come una sorta di sussurro d’argilla, che lo ha aiutato a comprenderne le idiosincrasie. “Il campo in terra battuta è leggermente diverso dal campo in cemento”, afferma Shelton. “Non puoi fare le stesse cose.”

Quindi, prima di ogni giorno di allenamento, non a Monte Carlo o Barcellona dove si svolgevano i tornei ma a casa in Florida, Echevarria e il padre di Shelton parlavano di quale movimento concentrarsi. A volte, è stato imparare a correre in diagonale, cosa che accade spesso sulla terra battuta a causa di tutti i drop shot e gli slice. Altre volte si trattava di recuperare e passare da uno scatto all’altro.

Quindi, Shelton sarebbe andato in campo per provare ciò che aveva appena imparato per due o tre ore. Dopo una pausa e un po’ di pranzo, i pomeriggi consistevano in più tempo in campo se Bryan lo riteneva necessario, e/o fino a 90 minuti in palestra. È stato estenuante ed ha esposto Shelton alla necessità di sintonizzarsi con ciò che ha trovato sotto i suoi piedi.

“Ogni campo in terra battuta è leggermente diverso”, afferma.

  • Se desideri seguire la nostra fantastica copertura sul tennis, fai clic qui.

Il servizio di Shelton gli permette di dominare, anche sulla superficie più lenta (Julian Finney/Getty Images)

“I rimbalzi sono imprevedibili, quindi non puoi sempre fare affidamento sul salto corto della palla, prendendola presto. Puoi avvicinarti troppo al rimbalzo o mettere i piedi troppo presto e il rimbalzo può essere imprevedibile e andare in una direzione che non pensi possa andare”, spiega.

Ciò è particolarmente vero a Madrid, dove l’altitudine (2.000 piedi/650 m sul livello del mare) aggiunge velocità al volo della palla, creando il tipo di condizioni che hanno portato Daniil Medvedev a gesticolare verso i suoi allenatori con rabbia impotente, frustrato dal trovarsi in nel posto giusto al momento sbagliato, o forse il contrario. Roma, più morbida, più lenta, al livello del mare, porta con sé le sue peculiarità.

Shelton? Non è disturbato. È premuroso, ed è qui per questo.

“Hai un po’ più tempo per giocare perché, nella maggior parte dei posti, la terra battuta è un po’ più lenta dei campi in cemento, ma in realtà qui a Madrid è davvero veloce”, ha detto.

“Ma nella maggior parte dei casi, il gioco rallenta un po’. Quindi hai più tempo, cosa che mi piace davvero. Ma allo stesso tempo, devi imparare a usare quel tempo e imparare a difenderti dai ragazzi che hanno anche più tempo”.

VAI PIÙ PROFONDO

Perché dovresti essere entusiasta dello swing sul campo da tennis in terra battuta di quest’anno


Queste sono le parole di qualcuno determinato a non ripetere i peccati del padre, qualcuno che vuole essere un po’ diverso da quello che gran parte del mondo potrebbe aspettarsi da un giocatore con il suo marchio unico di potenza pura e atletismo.

Non era poi così diverso dalla scelta che fece poco più di un anno fa di giocare un po’ i dadi in quell’affare con On.

Aveva frequentato il college presso l’Università della Florida, una scuola Nike per eccellenza. Molte delle più grandi figure del tennis e degli sport americani sono diventate sinonimo dello swoosh nel corso degli anni: John McEnroe, Andre Agassi, Michael Jordan Tiger Woods, LeBron James e così via.

“Non volevo essere uno dei 50 ragazzi della Nike”, dice Shelton. “Ovviamente è stata anche una grande attrazione, visto che On aveva probabilmente la più grande icona nella storia del tennis, oltre a Serena (Williams).” Shelton fa riferimento a Roger Federer, che ha acquisito una partecipazione significativa in On cinque anni fa, con la società che ha costruito e lanciato una collezione di abbigliamento da tennis di debutto sulla scia del suo coinvolgimento, insieme a quello di Shelton e della numero 1 del mondo femminile Iga Swiatek.

Ecco Shelton, un ragazzo, niente meno che una stella del tennis, che in un certo senso metteva Federer un posto dietro Serena Williams nell’ordine gerarchico di questo sport, o almeno li metteva sullo stesso piano. Ciò non accade troppo spesso.


Shelton verso il titolo a Houston quest’anno (Aaron M. Sprecher/Getty Images)

In un sabato sera insolitamente freddo a Madrid di due settimane fa, Shelton è sceso in campo per la sua partita di apertura contro Tomas Machac della Repubblica ceca.

Machac, che ha 23 anni, ha fatto a pezzi alcuni dei migliori giocatori del mondo in questa stagione. Gioca un gioco setoso, ingannevolmente potente, a tutto campo e, come la maggior parte dei giocatori dell’Europa centrale, è cresciuto in gran parte sulla terra battuta.

Potrebbe essere classificato 35 posizioni sotto Shelton, che ora è il numero 14 del mondo, ma è il tipo di giocatore che ha dimostrato di essere un incubo per gli americani sulla terra battuta praticamente da sempre.

Shelton ha prontamente superato Machac, 6-0, 6-2.

Ha usato la sua potenza per spingere il ceco molto dietro la linea di fondo, poi si è mosso in avanti, lanciando volée e rimbalzando in campo aperto. Ha approfittato di quel poco tempo extra concesso dalla terra – “Adoro il tempo sulla palla”, dice – e ha saltato tutta la seconda di servizio di Machac, prendendola presto, rivendicando lo slancio.

Due giorni dopo, Shelton era a un punto dalla probabile vittoria contro Alexander Bublik del Kazakistan. Ha faticato a gestire un paio di drop shot notoriamente implacabili di Bublik, arrampicandosi a disagio, e questo ha concesso a Bublik lo squarcio di luce di cui aveva bisogno per rientrare in partita. Il kazako vincerebbe in tre set, 3-6, 7-6(2), 6-4.

Questa era la versione live del tutorial sull’argilla che Shelton sta cercando da Echevarria. Indipendentemente dalla sconfitta, iÈ stata una svolta di 180 gradi da quando è sbarcato in Europa un anno fa per la sua prima stagione sulla terra rossa. “L’anno scorso non avevo idea di cosa aspettarmi”, ha detto.

Non è colpa sua. Semplicemente non c’è molta terra rossa in America, dove i giocatori imparano in gran parte il gioco sui campi in cemento.

VAI PIÙ PROFONDO

20 anni di siccità nei tornei del Grande Slam: quale americano si è avvicinato di più alla vittoria dal 2003?

Cresciuto in Florida, Shelton ha giocato un po’ sulla terra verde, che è più difficile da percorrere e produce rimbalzi molto meno prevedibili rispetto alla varietà rossa. Sloane Stephens, un’altra della Florida e seconda classificata agli Open di Francia del 2018, definisce l’argilla rossa “la vera roba”. Tuttavia, Shelton colpì a malapena una palla sulla terra battuta dopo aver compiuto 16 anni e la sua attenzione si è spostata sul tennis universitario, che è una faccenda sul cemento.

La partita di oggi, venerdì 10 maggio, a Roma contro Pavel Kotov sarà solo la sua 16esima partita da professionista sulla terra battuta, e comprende quattro vittorie ai Campionati statunitensi sulla terra battuta di Houston all’inizio del mese scorso. Ha vinto quel torneo e, anche se qualsiasi titolo dell’ATP Tour non è niente di cui lamentarsi, Shelton sapeva di essere ben lungi dall’essere pronto a competere al Roland Garros. Quindi, il campo di addestramento. L’apprendimento. Il disagio, l’abbraccio di qualcosa che non era proprio quello che si aspettava. Essere, in una parola, diversi.

Alcuni bravi giocatori di tennis diventano grandi diventando una versione di qualità superiore del giocatore che erano quando sono entrati nel circuito per la prima volta. Altri passano da buono a eccezionale aprendo la mente a nuove competenze.

Cos’è Shelton?

“È come una spugna”, dice Echevarria.


Il servizio con la fionda di Shelton è un marchio di fabbrica del suo gioco (On)

Shelton è emerso da quel campo di addestramento credendo di poter prosperare sulla terra battuta, forse non oggi o domani, ma alla fine.

Clay lo costringe a diventare il tipo di giocatore che vuole essere: una minaccia su ogni superficie non semplicemente perché il suo servizio è un missile da crociera che altera il gioco, ma perché può muovere la palla sul campo con rotazione e altezza sopra la rete, ed entrare in rete e fare un tiro al volo in un campo aperto e macinare quando il momento lo richiede.

“Gli americani non hanno avuto i migliori successi nella stagione sulla terra battuta o al Roland Garros, ma sarebbe davvero bello cambiare questa narrazione”, dice.

Inoltre non pensa di avere scelta. La stagione dell’argilla dura due mesi. Non è la stagione degli sprint su erba di quattro settimane. Ci sono semplicemente troppi punti in classifica in palio sui campi in terra battuta perché qualcuno con l’obiettivo di raggiungere la vetta del gioco possa concedere qualcosa.

Gli americani non sono generalmente noti per la loro pazienza. A loro piacciono le cose adesso: gratificazione immediata. Concentrarsi sul processo piuttosto che sui risultati non è sempre naturale. Ma ancora una volta, Shelton è un po’ diverso in quell’area, con qualche spinta da parte di Echevarria e di suo padre.

Si sta avvicinando a questo swing sulla terra battuta come ha fatto al campo di addestramento, come un’opportunità per imparare, raccogliere informazioni, analizzare come è migliorato, per vedere se riesce a eseguire tutti quegli schemi di passi e tutto quello scivolare sul più famoso crushed red. mattone nel mondo.

Se succede la vittoria, bene. Altrimenti? Bene. Proprio come richiede la terra battuta, il Team Shelton sta giocando una partita lunga.

“Non ci sentiamo frustrati”, afferma Echevarria. “Non ci preoccupiamo perché lo sappiamo, indovina un po’? Gli Open di Francia si giocheranno sulla terra battuta Prossimo anno. Si giocherà sulla terra battuta per 100 anni.”

(Foto in alto: LR: On; Centro: ATP Tour; design: Dan Goldfarb)


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *