Jamie Dimon di JPMorgan Chase lancia un avvertimento economico

La lettera annuale di Jamie Dimon agli azionisti di JPMorgan Chase è stata appena pubblicata. La nota, ampiamente letta, offre uno scorcio delle sue opinioni non solo sugli affari, ma sull’economia in un “momento cruciale per l’America e il mondo libero”, con profonde divisioni in patria e incertezza globale.

Ecco alcuni punti salienti.

L’economia è resiliente, ma il governo che la sostiene è un campanello d’allarme. I consumatori stanno spendendo e gli investitori si aspettano un atterraggio morbido. Ma Dimon avverte che l’economia è alimentata dalla spesa pubblica e dall’aumento dei deficit. “I deficit oggi sono ancora più grandi e si verificano in periodi di boom – non come risultato di una recessione – e sono stati sostenuti dall’allentamento quantitativo, cosa mai fatta prima della grande crisi finanziaria”, scrive.

L’inflazione potrebbe essere vischiosa. “Questi mercati sembrano scontare una probabilità del 70-80% di un atterraggio morbido: una crescita modesta insieme a un’inflazione e a tassi di interesse in calo”, scrive Dimon, aggiungendo che le probabilità sono in realtà molto più basse.

L’incertezza globale è un’altra nuvola nera. Le guerre in Ucraina e nel Medio Oriente potrebbero “perturbare ulteriormente i mercati energetici e alimentari, le migrazioni e le relazioni militari ed economiche”. Questo shock coincide con un’impennata degli investimenti pubblici per alimentare una transizione verde, ristrutturare le catene di approvvigionamento e le relazioni commerciali e aumentare la spesa sanitaria.

La politica industriale è necessaria, ma dovrebbe essere limitata e mirata. Dimon afferma che gli Stati Uniti devono essere duri con la Cina, ma impegnarsi con Pechino. Ciò include l’indipendenza sulle forniture di materiali cruciali per la sicurezza nazionale, come terre rare, semiconduttori e infrastrutture 5G. (Secondo Dimon, l’Inflation Reduction Act e il CHIPs Act hanno ragione.)

Dimon mette in guardia sulle profonde divisioni politiche in patria. Dimon non interviene esplicitamente sulle elezioni (il suo sostegno pubblico ad alcune delle politiche economiche di Donald Trump ha suscitato scalpore a Davos a gennaio), ma ha affermato che gli Stati Uniti sono alle prese con questioni “molto impegnative, emotive e politiche” incentrate sul confine. crisi della sicurezza e “sfilacciamento del sogno americano”.

  • Sul finale di Basilea 3: Dimon ha ribadito le sue preoccupazioni sul fatto che molte delle regole bancarie proposte siano “imperfette e scarsamente calibrate”.

  • Sul governo societario: Dimon sostiene che le società di consulenza come la ISS sono diventate troppo influenti (ha recentemente sostenuto la Disney nella sua lotta contro Nelson Peltz). Si oppone ai recenti tentativi di dividere i ruoli di presidente e amministratore delegato e ritiene che la delega universale “renda più semplice l’inserimento di amministratori scarsamente qualificati in un consiglio di amministrazione”.

Janet Yellen vede progressi nelle relazioni con la Cina, ma avverte che c’è “ancora lavoro da fare”. Il segretario al Tesoro ha concluso lunedì gli incontri a Pechino affermando che i legami tra le nazioni si erano stabilizzati, ma non era chiaro come sarebbero durati i rapporti in un anno elettorale. I suoi commenti sono arrivati ​​quando l’amministrazione Biden ha accettato di concedere al produttore di chip taiwanese TSMC 6,6 miliardi di dollari in sovvenzioni per avviare la produzione in Arizona nel 2028.

La Corte Suprema del Brasile apre un’indagine su Elon Musk. Alexandre de Moraes, il giudice capo, ha aperto l’istruzione dell’inchiesta giudiziaria dopo che Musk ha detto che avrebbe riattivato alcuni account X che il giudice aveva ordinato di bloccare. I conti non sono stati resi pubblici. Moraes ha indagato sulle “milizie digitali” accusate di diffondere disinformazione.

L’oro tocca un livello record e il rally del petrolio prende una pausa. Il bene rifugio ha raggiunto più di 2.300 dollari l’oncia troy, sostenuto dalle preoccupazioni per un ampliamento del conflitto in Medio Oriente e dalla maggiore domanda per il metallo prezioso da parte delle banche centrali e dei consumatori cinesi. Lunedì il prezzo del greggio Brent è sceso attorno ai 90 dollari al barile, in calo rispetto al massimo di cinque mesi raggiunto la scorsa settimana.

Oggi ricorre il secondo anniversario della chiusura del mega accordo con Warner Bros. Discovery. Superare questo traguardo significa che il colosso dell’intrattenimento, che possiede HBO, CNN e una parte redditizia delle trasmissioni di March Madness, può ora concludere un accordo senza affrontare un enorme taglio fiscale.

Il settore è maturo per il consolidamento, date le sfide legate al cavo e allo streaming. Un ostacolo sono i poliziotti antitrust del presidente Biden. “I vincoli normativi stanno limitando gli accordi che possono essere conclusi, come accade nella maggior parte dei settori”, ha affermato Rob Kindler, presidente globale di M.&A. Il gruppo di Paul, Weiss, ha detto a DealBook.

Warner Bros. Discovery non è andata come sperato. Suo Le azioni sono scese del 66% da quando l’accordo si è concluso poiché la sua scommessa sullo streaming ha languito (insieme ai rivali non denominato Netflix). Il business dei cavi legacy è stato un ostacolo maggiore, danneggiato dal taglio dei cavi.

La sua montagna di debiti da 44 miliardi di dollari potrebbe anche rendere più difficile l’acquisizione. Ma John Malone, il magnate dei media e membro del consiglio di amministrazione, ha affermato a novembre che il flusso di cassa sta migliorando, il che potrebbe spingere la società a cercare accordi.

Una fusione con la Paramount sembra improbabile. Le azioni sono crollate del 5% quando sono trapelate le trattative tra i due a dicembre, segno che gli investitori potrebbero non guardare con entusiasmo all’aumento della quotazione della società. esposizione ai media lineari. Probabilmente è comunque un punto controverso con la Paramount in trattative esclusive con Skydance.

Anche ancora, un’alleanza con le reti televisive della Paramount, come CNN e CBS attraverso uno spin-off o una cessione, avrebbe senso, in futuro?

Anche prendere di mira Comcast potrebbe affrontare delle sfide. Agli investitori potrebbe piacere la possibilità di unire le loro attività via cavo, studio e streaming. Ma i regolatori probabilmente avrebbero domande difficili.

Tuttavia, non escludere un accordo. Come ha detto Barry Diller al Times l’anno scorso: Sembra che ci sia sempre interesse per le proprietà dei media della Warner. “Se ciò accadrà dipende da se qualcuno vorrà accettarlo”, ha detto Diller, un amico di lunga data del capo della Warner Bros. Discovery, David Zaslav.


Per decenni, la saggezza comune nell’America aziendale – come racchiusa nel libro del 2004 “Mastering the Merger”, di due consulenti di Bain & Company – era che di tutti i miliardi spesi per le fusioni, circa il 70% falliva.

Ma un nuovo white paper di uno degli autori del libro e di altri due colleghi rileva che ora è vero il contrario: il 70% delle acquisizioni avere successo. DealBook ha dato un primo sguardo alla ricerca per scoprire cosa era cambiato.

Le aziende sono diventate più intelligenti riguardo alle fusioni e acquisizioni. Nel 2004, gli accordi decisivi dell’epoca, compreso quello di AOL-Time Warner, dovevano essere trasformativi e garantire grandi risparmi. Oggi gli obiettivi sono più modesti, come l’espansione in nuove aree geografiche o attività adiacenti, o l’aggiunta di nuovi talenti.

Anche gli acquirenti stanno facendo più pratica. Avere obiettivi più conservatori per le fusioni significa che le aziende possono fare di più, giustificando la presenza di team interni di M.&A. specialisti in grado di identificare meglio le acquisizioni promettenti e farle funzionare. Un progresso: analisi più sofisticate delle potenziali acquisizioni, rispetto alle operazioni precedenti che spesso si basavano su considerazioni finanziarie meno impegnative come le sinergie.

“Gli acquirenti abituali hanno l’esperienza e la capacità di svolgere la diligenza richiesta”, ha detto a DealBook Suzanne Kumar, vicepresidente di Bain e una delle autrici del libro bianco, indicando Thermo Fisher Scientific, Constellation Brands e i giganti della tecnologia.

Gli acquirenti seriali tendono ad avere rendimenti migliori. Tra il 2000 e il 2010, le aziende che hanno concluso almeno un accordo all’anno hanno registrato rendimenti totali per gli azionisti a 10 anni superiori del 57% rispetto alle aziende che non hanno concluso accordi, ha scoperto Bain. Tra il 2012 e il 2022, tale differenziale è salito al 130%, una scoperta che ha sorpreso i ricercatori.


Con le aziende automobilistiche in massima allerta per gli sforzi della United Auto Workers di incrementare l’organizzazione dei lavoratori, il sindacato ha collezionato una serie di vittorie lontano dalla fabbrica, nei campus universitari.

La vittoria più recente è stata all’Università di Harvard. I dipendenti non di ruolo della scuola – un gruppo di circa 6.000 che comprende docenti, ricercatori post-dottorato e precettori – hanno votato a stragrande maggioranza a favore della sindacalizzazione la scorsa settimana. Ciò apre la porta a negoziati per salari più alti, maggiore sicurezza del lavoro e rafforzamento della protezione sul posto di lavoro.

Il divario porta un’altra fonte di tensione nel campus. Harvard è stato coinvolto in una lotta per la libertà di parola e la sicurezza da quando Hamas ha attaccato Israele il 7 ottobre, stimolando un dibattito che ha portato a un’ondata di dimissioni ad alto livello.

Harvard non è sola. Anche il personale del Wellesley College e della New York University ha votato quest’anno a favore della sindacalizzazione, unendo gli sforzi dei professori a contratto e dei dottorandi della Boston University, della Columbia, della Rutgers e dell’Università del Connecticut.

L’UAW è al centro della spinta. Da anni il sindacato si occupa di istruzione superiore. E la sua tattica dura nell’assicurarsi nuovi contratti dalle tre grandi case automobilistiche di Detroit lo scorso anno le ha dato slancio.

Dopo il successo del voto sulla sindacalizzazione della New York University, Shawn Fain, presidente della UAW, ha salutato il momento come un momento storico per gli sforzi di organizzazione dei lavoratori nei campus universitari americani. “Abbiamo le loro spalle”, ha detto.


Il Congresso torna oggi dalla sua pausa di due settimane per trovare l’Ucraina, il disegno di legge TikTok e la riparazione del ponte di Baltimora sotto i riflettori – e una possibile sfida alla leadership della Camera incombente. Altrove, l’attenzione sarà posta anche sull’inflazione, sulle banche centrali e sulla nuova stagione degli utili.

Ecco cosa guardare:

Martedì: La conferenza degli sviluppatori Cloud Next di Google si apre tra le aspettative che il gigante della tecnologia faccia una serie di annunci riguardanti l’intelligenza artificiale.

Mercoledì: L’indice dei prezzi al consumo di marzo sarà pubblicato. Gli economisti prevedono che l’inflazione complessiva aumenterà del 3,5% su base annua, in leggero aumento rispetto a febbraio. Si prevede che il core CPI, che rimuove cibo e carburante, si sia raffreddato.

Dovrebbero essere pubblicati anche i verbali dell’ultima riunione della Fed.

Altrove, il presidente Biden avrà colloqui alla Casa Bianca con il primo ministro giapponese Fumio Kishida. All’ordine del giorno: commercio, intelligenza artificiale e Cina. Sul vertice incombe anche l’offerta da 14 miliardi di dollari di Nippon Steel per US Steel.

Giovedì: È il giorno delle decisioni sui tassi per la Banca Centrale Europea. L’inflazione è scesa in tempi relativamente brevi in ​​gran parte dell’Europa, sollevando la domanda: la BCE taglierà i tassi di interesse? Prima la Fed?

Venerdì: I giganti di Wall Street iniziano a pubblicare i risultati del primo trimestre, tra cui JPMorgan Chase, Wells Fargo, Citigroup e BlackRock.

Offerte

  • Il gruppo del lusso Puig, proprietario dei marchi Paco Rabanne e Charlotte Tilbury, prevede di quotarsi in Spagna e punta a raccogliere più di 2,5 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) in quella che sarebbe la più grande IPO del settore da anni. (FT)

  • La relativa apatia degli investitori per le azioni europee potrebbe spingere le più grandi compagnie petrolifere del continente a prendere in considerazione quotazioni più grandi negli Stati Uniti? (Opinione di Bloomberg)

Politica

  • Josh Shapiro, governatore democratico della Pennsylvania, ha avvertito che la decisione dell’amministrazione Biden di sospendere i progetti di gas naturale liquefatto potrebbe compromettere le possibilità del partito a novembre. (FT)

  • “Il Maryland approva 2 importanti leggi sulla privacy, nonostante la resistenza dell’industria tecnologica” (NYT)

Meglio del resto

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *